Carpi a Tavola: torna il tour del gusto

Da mercoledì 1 a domenica 5 novembre, in piazza Martiri e piazza Garibaldi

Un lungo weekend di golose specialità

Al via la 18esima edizione di Carpi a Tavola, storico evento gastronomico

che esalta la tradizione nazionale ed emiliana con eccellenti prodotti tipici

Torna nella città dei Pio, da mercoledì 1 a domenica 5 novembre, Carpi a Tavola, l’evento gastronomico che ormai rappresenta una tappa irrinunciabile dell’autunno carpigiano. Organizzato da Sgp, in collaborazione con Comune di Carpi, Ascom Confcommercio, FAM, Confesercenti, CNA e Lapam Federimpresa, Carpi a Tavola è giunto alla diciottesima edizione.

Nelle suggestive cornici di piazza Martiri e piazza Garibaldi, una trentina di espositori provenienti da tutta Italia presenteranno i prodotti più pregiati delle loro terre: dai tartufi ai salumi, dai dolci alla frutta, passando per formaggi e confetture.

In piazza Garibaldi sarà allestita un’area dedicata esclusivamente al gusto e alla tradizione emiliana, dove sarà possibile acquistare, o degustare direttamente sul posto, alcuni dei prodotti più tipici della regione. Sarà quindi l’occasione per assaggiare prelibatezze come i borlenghi dell’Appennino modenese o il pregiatissimo aceto balsamico tradizionale di Modena, e per deliziare il palato con frittelle dolci o salate di Vignola. Grandi protagoniste saranno anche la birra artigianale del birrificio Labeerinto di Modena, che sarà possibile consumare anche in loco, e la pasta fresca di un pastificio artigianale di Vignola.

Sarà invece dedicato agli espositori del resto d’Italia il rialzato di piazza Martiri, dove sarà possibile percorrere tutta la tradizione gastronomica nostrana all’ombra dei suggestivi portici della città. La scelta sarà ampia e per tutti i gusti, ma sempre all’insegna del binomio “qualità e tradizione”.

Per gli amanti del salato ci sarà l’imbarazzo della scelta: speck e salumi dell’Alto Adige, formaggi di pecora dal Lazio, tartufi dal Molise, i celebri arancini siciliani e la focaccia ligure e per terminare con maritozzi romani e vari dolci campani.